Concerto di Capodanno all’Auditorium Parco della Musica: Gabriele Ciampi dirige, emoziona ed incontra il suo pubblico.

img_7861img_7700img_7598img-20170102-wa0001img-20170102-wa0003img-20170102-wa0002img-20170101-wa0010

L’abbiamo scoperto, apprezzato, conosciuto, dopo l’esibizione, nel dicembre dello scorso anno, presso la Casa Bianca per il “White House for Holidays” su invito della First Lady Michelle Obama. Da lì il boom mediatico e finalmente il riconoscimento di un talento che, per inseguire il suo sogno ed affermarsi, si è trasferito negli Stati Uniti. Non un cervello in fuga ma un “cervello in prestito”come ama definirsi, Gabriele Ciampi, ieri, per la quarta volta consecutiva all’Auditorium Parco della Musica, ha diretto -nella Giornata mondiale della Pace- l’ensemble di quaranta giovani musicisti della sua Orchestra, la CentOrchestra, meravigliando ancora una volta per la sua bravura ed emozionando il pubblico per la sua capacità di creare “pathos” .

Il Maestro non si è limitato a dirigere, ma ha coinvolto i presenti  traghettandoli da una “riva” all’altra della sua musica, conducendoli al significato ultimo delle sue opere. E’ una musica struggente la sua, dolce e risoluta, elegante e moderna, improntata alla semplicità, al minimalismo ed all’essenzialità, parole-chiave della sua ricerca artistica. Sì, perché nell’ottica del giovane compositore romano: “l’artista ha il dovere di rendere semplice quello che semplice non è, cercando di trasmettere in pochi istanti frammenti di vita che sembrano eterni”. Lo scopo è quello di avvicinare la gente alla musica classica contemporanea rendendola non più un genere elitario, bensì accessibile a tutti i suoi potenziali fruitori.

Il Concerto di Capodanno- patrocinato dal Giubileo della Misericordia- che ieri sera ha registrato il sold out, è stato aperto dalla Variazione in Sib Minore, eseguita al pianoforte dall’autorevole Stefania Argentieri, e dal Quartetto In Mib Miniore per due violini, viola e pianoforte, di forte intensità emotiva, grazie anche alla performance della giovane e brillante violoncellista Livia de Romanis. A seguire la Suite per Chitarre ed Orchestra articolata su alcuni dei brani, tratti dagli ultimi due cd del compositore: SunsetSpinning dry(composizione sperimentale che usa strumenti d’orchestra tradizionali modulandoli con alcune sonorità elettroniche), Sasha in the Water, Lost Sunrise (un passaggio intermedio di musicalità melanconica), Behind the Darkness (riflesso di un disagio interiore espresso attraverso un finale in crescendo di chitarre, percussioni, archi e pianoforte dove si intrecciano e si fondano musicalità diverse), Untouched MelodyIn Dreams Awake (brano che da il nome all’ultimo album uscito in commercio lo scorso 21 ottobre, presentato al pubblico in anteprima mondiale), Neve, l’orecchiabile  Who I am (interpretato per la prima volta da Giorgia Villa in anteprima assoluta) ed infine Yuki (Snowfall), composizione dalle tonalità musicali orientali, realizzata attraverso l’uso esclusivo dei tasti neri del pianoforte. Infine, il Concerto per Pianoforte ed Orchestra in La Maggiore, nei tre movimenti Andante, Meno Mosso e Moderato, dedicato espressamente alla First lady Michelle Obama.

Il Maestro Ciampi ha poi preso la parola, per presentare il Preludio per due Violoncelli. Il brano, suonato da Livia De Romanis e Daniel Mizera in prima esecuzione assoluta, è  un omaggio a Papa Francesco, la risposta al messaggio di Misericordia del Santo Padre e per ribadire che…….“il ruolo della musica è quello di unire le culture” attraverso la sua essenza di libertà, di capacità di esprimere ed esprimersi; un’opportunità da con-dividere gli uni con gli altri, troppo spesso ingabbiati dietro steccati di paura e diffidenza per i quali la musica rappresenta la chiave per uscire, ribellandosi da questa disumana situazione come purtroppo stanno a testimoniare i recenti fatti di cronaca successi ad Istanbul.

Al termine del concerto il Maestro è stato accolto dal calore del suo pubblico presso la libreria dell’Auditorium dove si è intrattenuto con i suoi fan per scattare foto e per firmare le copie del suo nuovo cd.

 

 

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply